Crea sito

Uno dei fattori principali del nostro benessere risiede nella temperatura degli ambienti in cui viviamo quotidianamente.
Ti sembra azzardata come affermazione? Prova a pensare ai motivi più frequenti per i quali ci lamentiamo.

freddo caldo - studio ambientale

“Oggi non si respira: c’è troppo caldo!”
“Con questo caldo non ho proprio voglia di fare nulla!”
“Con quest’afa mi sembra tutto più difficile…”

oppure

“In questa stanza c’è troppo freddo: ho messo due coperte addosso e continuo ad avere i brividi!”
“All’ombra con questo vento è impossibile resistere!”

In condizioni simili a queste, se siamo a casa, optiamo spesso per una soluzione molto semplice: accendiamo il condizionatore o, in caso contrario, la stufa, in base alla necessità di rinfrescare o riscaldare l’ambiente.
Tutto ciò comporta un notevole dispendio di energia: occorre tempo prima che un dispositivo del genere riesca a “riportare a temperatura” il nostro ambiente, e nel frattempo il contatore procede inesorabile…

D’altronde, che altro rimedio abbiamo in casi del genere?
Se ti dicessi che esiste un modo che ti permetterebbe di mitigare in buona parte la temperatura senza costi aggiuntivi sulla tua bolletta?

Bollette - Studio ambientale

Iniziamo a capire cosa si intende esattamente quando si parla di “studio ambientale”.
Per fare ciò, vorrei ricorrere ad un sillogismo: la casa di campagna, fresca in estate e calda d’inverno.
Tutto mi fu chiaro un giorno quando ricordai una frase che mio nonno mi disse da bambino:

«A mmìa a matina m’ave affari arruspigghiari u addu, no u suli»
«La mattina mi deve fare svegliare il gallo, non il sole»

Anticamente, le case di campagna erano costruite dal proprietario del terreno, che si faceva aiutare da un muratore amico che conosceva le tecniche costruttive. Mio nonno, nella fattispecie, era sia il proprietario che il muratore e realizzò la sua casa di campagna.
Oggi posso dire che con quelle poche parole intrise di saggezza mi svelò un meraviglioso segreto.

Canto del gallo - Studio ambientale

Lui conosceva la terra dove costruiva, aveva passato una vita a zappare quei campi. Chissà quante volte aveva tirato sospiri di sollievo vedendo sparire il sole dietro le montagne, o ancora, chissà quante volte era stato rinfrancato dal soffio del maestrale nelle torride estati nella frazione di Piano Casale.

Proprio per questo, quando costruì la sua casa posizionò la camera da letto a sud-est della casa, ma aprì la finestra a sud. Così facendo, da quella finestra il sole sarebbe entrato solamente a mattina inoltrata.
Per lo stesso motivo, costruì le murature con spessi blocchi di tufo in modo tale da rendere la sua casa ben coibentata dagli sbalzi di temperatura esterni, riuscendo così a mantenere gli ambienti freschi d’estate e caldi d’inverno.

Alba in campagna - Studio ambientale

Prese anche tante altre piccole accortezze, ma non è questo il momento di dilungarsi con la casa che costruì mio nonno. Oggi, grazie a questo piccolo esempio che ho voluto condividere con te spero di averti fatto comprendere quale sia la necessità di effettuare uno studio ambientale.
Quello che ai tempi mio nonno fece inconsapevolmente, tenendo conto di una vita di esperienza fatta nei campi, oggi possiamo farlo, grazie alla tecnologia di cui disponiamo, in un paio di giornate di lavoro e di ricerca.

Quindi, se dovessimo riassumere in poche parole di cosa si tratta, potremmo dire che

lo studio ambientale è un lavoro di ricerca necessario che aiuta il progettista a trovare soluzioni architettoniche per rendere una casa il più prestante possibile.

Quando parlo di “prestazioni di una casa” mi riferisco a tutti i servizi che utilizziamo vivendo in una casa, a partire dalle utenze: acqua, luce, gas… L’uso quotidiano di questi mezzi comporta un dispendio di energia che paghiamo periodicamente in bolletta.
Se ti dicessi che sfruttando gli elementi naturali come alleati potresti risparmiare in bolletta (oltre a trovare un più stabile e duraturo equilibrio psicofisico negli ambienti in cui vivi)?

Orientamento - Studio ambientale

Per dartene prova, ho elaborato una guida semplice e veloce con dei consigli per poter fare uno studio ambientale semplificato.
Seguendone i passi, potresti riuscire a trovare delle piccole soluzioni che migliorerebbero le condizioni climatiche della tua casa: immagina di riuscire a rinfrescare d’estate le stanze aprendo le finestre giuste, aumentando la ventilazione o schermando qualche finestra strategica.
Questo ti permetterebbe di spegnere il tuo condizionatore che è spesso il motivo di un eccessivo aumento della bolletta!
Se vuoi verificare tu stesso questi consigli, scarica la guida in 6 semplici passi: lascia il tuo indirizzo email e ti verrà recapitata direttamente sulla tua casella di posta.
Se hai domande o perplessità di qualsiasi genere sull’argomento, non esitare a lasciarmi un commento. Ti risponderemo al più presto!

Accetto e acconsento all'informativa sulla privacy.

* I campi contrassegnati con l'asterisco sono necessari per ricontattarti: non dimenticarli!

Lo studio ambientale: la guida semplificata in 6 brevi step
Tagged on: