Crea sito

Una parete in bauge ha uno spessore tra 40 e 60 cm circa e la si potrebbe considerare come un Adobe monolitico. È generalmente costituita da una pila di sfere di argilla, spesso additivata con fibre vegetali e inerti (selce o cocciopesto). Dopo la formazione di uno strato alto circa 60 cm, si passa alla fase di battitura delle facce a vista per evitare fessurazioni dopo l’essiccamento; queste vengono poi levigate per ottenere le superfici piane.

bauge
Dettaglio di un muro realizzato con la tecnica del bauge in Mali.
Foto di Josef Stuefer, CC BY 2.0, CC

La versione rurale francese prevede la costruzione dell’edificio tramite la suddivisione in più parti, tuttavia, nella maggior parte del mondo l’intero edificio viene concepito come un gigantesco monolite.

Storia

Il bauge è apparso in Medio Oriente verso la fine del X millennio a.C.. I primi habitat stanziali furono modellati con terreno argilloso a cui venivano additivate fibre vegetali. A tutt’oggi, nella penisola arabica sono presenti un gran numero di costruzioni in bauge.
Altra zona geografica particolarmente ricca di costruzioni ottenute con questa tecnica è l’Africa occidentale (Burkina Faso, Benin, Ghana, Nigeria …). In Europa, Il bauge è meno diffuso, tuttavia si può ritrovare nel patrimonio rurale del Devon in Inghilterra o dell’Abruzzo in Italia (dove è chiamato “massone“). Ancora in Francia nei territori della Bretagna e della Normandia tra Bouvines e Vandea con tutto il loro patrimonio di case coloniche.

Bauge
Una casa moderna in bauge vicino Ottery St Mary, United Kingdom.
Foto diBenjahdrumOwn work, CC BY-SA 3.0, Link
Tipologia di terra da utilizzare
  • Argilla
  • Sabbia
  • Limo
  • Fibre vegetali
Il processo costruttivo
bauge
Foto di Fountains of Bryn Mawr at the English Wikipedia, CC BY-SA 3.0, CC
  1. Viene estratta la terra, spesso direttamente in sito, e preparata impastandola con acqua (tra 15% e 30% del volume totale), fino a ottenere una miscela omogenea e plastica;
  2.  

  3. Si aggiunge la paglia precedentemente trattata con acqua, quindi s’impasta nuovamente il composto;
  4.  

  5. Una volta che l’impasto è pronto, si iniziano a formare le sfere di terra, tutte con una dimensione standard che varia dai 15 cm ai 20 cm;
  6.  

  7. Le sfere di terra vengono impilate per formare la muratura, che avrà uno spessore notevole, dato che in un secondo momento subirà una notevole limatura;
  8.  

  9. Quando ancora il muro è umido, viene sottoposto ad una fase di battitura, per fissare la terra ed evitare crepe durante la fase di asciugatura;
  10.  

  11. Con l’aiuto di una vanga ha inizio la fase di limatura delle pareti, che vengono limate da un operatore che sta in piedi sulla muratura;
  12.  

  13. La muratura viene ulteriormente rifinita e vengono rimossi i residui di paglia al fine di ottenere una parete piana;
  14.  

  15. Se è prevista una finitura la parete viene grattata con degli appositi strumenti per favorire l’adesione dell’intonaco alla muratura.
Il bauge o cob

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.